Gratteri a Belvedere “Riprendetevi la cittá è vostra non della Ndrangheta”

0
329

Di Adriana Sabato

Ilpercorso formativo dei ragazzi dei Licei T.Campanella di Belvedere Marittimo dedicato alla Legalità si è concluso, venerdì 7 giugno,  con l’incontro intitolato Come si genera il cambiamento,ospitandoil Procuratore capo del Tribunale di CatanzaroNicola Gratteri. Lo svolgimento del convegno è stato caratterizzato dagli interventi musicali degli studenti del liceo musicale.Accanto al Procuratore,nella Sala convegni dell’Hotel Bouganville di Belvedere Marittimo, il Presidente della Fondazione Sinderesi che ha promosso il progetto,Samuele Sangalli, conl’intervento in differita diAntonio Nicaso docente universitario in Canada di origine calabrese. 


Il progetto intitolato Praticare la giustizia, vivere la legalità ha affrontato tematiche forti, in una sala gremita di pubblico, in cui gli argomenti toccati sono stati numerosi. Una certezza: la cultura della legalità si apprende innanzitutto in famiglia e nella scuola e il diffonderla nella società è un compito non sempre facile ma realizzabile a patto però di superare alcune barriere mentali.
Sinderesi, ha infatti spiegato il Presidente Sangalli, indica la capacità dell’uomo di formare i concetti per arrivare a un ideale di cultura e di organizzazione del sapere in favore del bene comune.

La Fondazione, ha precisato, sviluppa il suo lavoro intellettuale in tre ambiti concreti: la formazione allacittadinanza attiva e responsabile, preparando e accompagnando giovani e adulti alla corresponsabilità civile e professionale; la formazione alla convivenza e al dialogo tra culture e religioni diverse,contrastando il pregiudizio e la discriminazioneattraverso un’opera di dialogo, matura conoscenza e reciproco apprezzamento; la formazione alla solidarietàverso chi soffre ed è più sfortunato, operando per rimuovere le cause di emarginazione e favorendo il reinserimento nelle normali dinamiche sociali.
In sintesi, tutto ciò significa innescare una consapevolezza critica – ha concluso Sangalli – e diffondere la cultura dell’onestà e il valore della coscienza come embrione di giustizia”. 

Ho istituito un ufficio dove tutte le parti offese – ha spiegato Nicola Gratteri – possono venire a incontrarmi: ricevo tutti, almeno una volta a settimana, ci sono almeno trecento persone che arrivano, ma io ricevo tutti. Questa apertura è fondamentale, perché dà grande fiducia alla gente, che ha bisogno di parlare.I calabresi – ha aggiunto il procuratore – non sono omertosi: non sanno con chi parlare ma non sono omertosi. Continuate a denunciare e a venire a trovarci, perché se nessuno bussa alla porta di un procuratore o di un sostituto vuole dire che non siamo credibili. Se la gente ci cerca, vuol dire che quanto meno spera di poter risolvere il suo dramma, che per noi può essere magari piccolo ma per loro è la vita.

Un invito ancor più fermo e incoraggiante ha caratterizzato la parte finale di quella che si può definire una vera “lectio magistralis” del Procuratore Nicola Gratteri ai giovani:riprendetevi gli spazi pubblici che noi stiamo ripulendo, ha detto. Riprendetevi la città perchè è vostra, non della ‘ndrangheta. 
Non è un invito a rischiare perchè quello lo facciamo noi in squadra, ma una richiesta per proseguire l’opera che abbiamo iniziato. Come? Donate il sangue già a 18 anni, andate nei reparti geriatrici a regalare un sorriso agli anziani, istituite associazioni di volontariato, impegnatevi in politica: qualsiasi cosa vi impegni nel sociale, ma impegnatevi, questo il monito del procuratore, così e solo così potrete davvero generare il cambiamento, perché il cambiamento inizia da dentro, il percorso inizia a valle non a monte.Tutti i ragazzi e il pubblico presente hanno risposto con un lunghissimo applauso a queste parole forti, parole che difficilmente potranno non rammentare.

Commenti