Si sono riuniti nella serata di mercoledi 24 novembre, gli aderenti al movimento
politico-culturale “I Riformatori”, movimento già presente alle ultime elezioni
comunali con una propria lista,
che hanno ribadito, innanzitutto, la ferma volontà di
continuare l’impegno politico già profuso negli anni, con grande passione e spirito di
servizio,
sempre ed esclusivamente orientato al perseguimento dell interesse
generale, dai fondatori dello stesso movimento Piero Lamberti, Lamberto Lamberti e
Giorgio Corrado
.
Tra i diversi obiettivi individuati e riaffermati, si è concordato quello primario e più
immediato, in vista della prossima competizione elettorale comunale, di contribuire
alla costruzione di una coalizione credibile, ampia e plurale, democratica e
progressista, nella quale possano convergere e convivere, con pari dignità, soggetti ed
esperienze politiche-culturali-associative anche differenti, ma tutti accomunati dai
valori della solidarietà, del riformismo e della coesione sociale, della tutela
dell’ambiente.
Si e ravvisata la necessita di promuovere una nuova stagione politico-amministrativa
per la Città di Paola, che veda protagonisti i cittadini, allargando la partecipazione a
quanti hanno a cuore le sorti della città, al mondo dell’associazionismoe del
volontariato, con l’intento di recepire idee, proposte ed iniziative per costruire un
programma condivisoe partecipato. Sul punto, si è sottolineato, che una coalizione
potrà risultare eredibile, e soprattutto in grado di poter governare una realta
complessa come quella paolana, garantendo stabilità, solo se è fondata su valori
comuni e non su accordi personalistici di potere.
Si è deciso di costituire un organismo direttivo che ha eletto quattro coordinatori
nelle persone di Wladimiro Lamberti, Maurizio Vilardi, Roberto Imbroinise e
Antonello Pastore,
a cui ha affidato il mandato di incontrare innanzitutto le forze
politiche ed i movimenti che si ispirano ai valori del centro-sinistra ed a quanti
vogliano contribuire alla costruzione di una coalizione plurale, progressista ed
ambientalista.

Commenti