“Ho l’impressione che, smarcandosi dalla linea Praticò, gli attuali amministratori di Praia a Mare stanno imboccando una nuova via. Ad esempio, sull’ospedale di Praia a Mare si sono incamminati sul sentiero che avevo indicato nei mesi scorsi e tratteggiato come proposta nella recente interrogazione a loro rivolta”.

Antonino De Lorenzo, consigliere di opposizione, commenta così la decisione della maggioranza di ricorrere in sede legale contro l’atto aziendale dell’Azienda sanitaria provinciale di Cosenza.

“Quel documento organizzativo – precisa – costituisce un grave ridimensionamento della struttura sanitaria praiese ma, lo scorso 9 aprile, aveva indotto l’allora sindaco e l’amministrazione a ringraziare il commissario Regina.

Il 30 dello stesso mese, hanno poi avanzato allo stesso una proposta organizzativa dell’ospedale richiamando la necessità di rispettare le sentenze del Consiglio di Stato sulla riapertura e il conseguente decreto Sciabica che ha indicato i contenuti della struttura.

Esattamente – approfondisce De Lorenzo – come suggerito in ogni occasione nella quale l’amministrazione ha avanzato agli organi competenti modifiche non in linea con quanto faticosamente ottenuto nelle aule dei tribunali.

Oggi, finalmente, il governo cittadino si inserisce nel solco di questa linea, rendendo dunque palese un ravvedimento su un tema fondamentale come il diritto alla salute dei cittadini. La speranza è che il ricorso in questione miri anche a ottenere l’ottemperanza immediata alle sentenze passate in giudicato

La delibera di Giunta di ieri – prosegue – rappresenta un punto di non ritorno da un punto di vista politico, che consacra la spaccatura con Praticò, è un puro atto di sfiducia.

La maggioranza ha iniziato a smantellare quanto da lui costruito da quando il sindaco è stato sospeso dal prefetto per le note vicende giudiziarie.

Ma non si deve dimenticare che faceva tutto con il loro silenzioso avallo e senza mai spendere una parola di apprezzamento per le proposte in materia di ospedale, che in modo sonoro e copioso ho fatto in questi mesi.

A dirla tutta, la maggioranza sfiducia automaticamente sia il sindaco sospeso che sé stessa”.

La decisione del ricorso contro l’atto aziendale dell’Asp di Cosenza è stata accompagnata da alcune dichiarazioni dell’attuale maggioranza praiese, che ha richiamato tutti alla collaborazione.

“Evito di sottolineare tutte le volte in cui io, altri consiglieri e associazioni del territorio abbiamo offerto aiuto e sostengo alla causa senza ottenere il minimo cenno di risposta dall’ente. Sono pronto a continuare a remare nella direzione della riapertura dell’ospedale di Praia a Mare come ho sempre fatto.

Ma, come ha affermato recentemente il consigliere con delega alla sanità Pasquale Fortunato, silente e assente fino al 13 maggio 2021, l’onestà intellettuale è merce rara: in primo luogo la sua”, ha quindi concluso Antonino De Lorenzo.

Commenti