Il modello Fuscaldo in dodici mesi di chiamate intercettate -I dialoghi-

0
787

Di Francesca Lagatta

«Occorre una breve premessa in ordine alla posizione di Fernandez Michele, al suo rapporto con gli imprenditori e al suo modo spregiudicato di gestire la cosa pubblica in funzione dei suoi interessi privati». È scritto così a pagina 45 dell’ordinanza di custodia cautelare nei confronti delle persone arrestate due giorni fa nell’ambito dell’operazione Merlino. L’inchiesta giudiziaria incentrata sulla corruzione, che ha coinvolto anche il sindaco di Fuscaldo Gianfranco Ramundo, il vicesindaco Paolo Cavaliere e l’assessore al bilancio Paolo Ercole Fuscaldo, secondo il quadro accusatorio ruoterebbe tutta intorno al sessantenne funzionario comunale.

Chi è Michele Fernadez

Michele Fernadez, cittadino di Sangineto, al Comune di Fuscaldo ricopre il ruolo di responsabile dell’Area Tecnica del Settore Urbanistica. Per lui le manette sono scattate, tra le altre cose, per l’accusa di aver «compiuto atti contrari ai doveri d’ufficio, compiuti con abuso delle qualità e dei poteri […] a beneficio della società Impec Costruzioni Spa affidataria del servizio di gestione del depuratore comunale di Fuscaldo» o di aver violato «i suoi doveri funzionali di imparzialità e buon andamento della Pubblica amministrazione» nel procedimento per l’affidamento dei lavori di ripristino del lungomare.

In particolare, per quest’ultima vicenda, in cui Fernandez riveste il ruolo di presidente della Centrale unica di committenza, la gara «è costantemente ed interamente condizionata dagli interessi di Fernandez che, proprio nel corso dell’espletamento della predetta procedura, chiede a Perri (uno dei soci delle società che hanno partecipato al bandi, ndr) di interessarsi per un suo tornaconto personale».

Il trasferimento delle moglie

Secondo quanto ricostruiscono gli inquirenti negli atti di indagine, «Fernandez aveva interesse a far trasferire la moglie dal Comune di Fuscaldo a quello di Rende o Cosenza, e per realizzare tale obiettivo predisponeva un articolato e macchinoso espediente, che passava attraverso un ulteriore procedimento di trasferimento relativo ai coniugi [omissis] e [omissis]». In particolare il marito «dipendente del Comune di Rende, sarebbe stato disponibile a cambiare la sede di lavoro da Rende a Fuscaldo, ma a condizione che la moglie, dipendente della motorizzazione di Cosenza, venisse a sua volta trasferita al Provveditorato alle opere pubbliche di Paola.
Tale operazione, così articolata e spiegata in diverse conversazioni telefoniche, verrà realizzata grazie alle insistenze di Fernandez e all’interessamento di Perri Robertino»socio della Edil Perri snc, imprenditore partecipe alla gara per il lavori del lungomare, che vantava «legami con soggetti collegati a enti pubblici». A sua volta, Perri «chiederà l’intervento di Zucarrelli Raffaele, collaboratore esterno della Regione Calabria».

Successivamente, scrivono ancora gli investigatori «verrà dimostrato come si determinava l’illecita aggiudicazione alla società Edil Perri colludendo con quest’ultimo, oltre che con altri partecipanti alla gara in questione».

 

Quasi mille telefonate in un anno

Tra Michele Fernandez Michele e Robertino Perri la magistratura capterà 969 conversazioni telefoniche nell’arco di tempo che va dal 19 dicembre 2016 al 6 dicembre 2017, sintomo inequivocabile «di un anomalo rapporto tra gli stessi, certamente esulante dal dovere di terzietà in capo a chi dovrebbe in modo imparziale gestire la cosa pubblica».

L’attenzione degli inquirenti si concentra in particolar modo su una breve telefonata avvenuta tra i due il 27 marzo del 2017 che dimostrebbe come, circa il trasferimento della moglie di Fernandez, «il Perri non solo si impegnava a profondere il suo impegno in tale senso, ma si attivava affinché il trasferimento andasse a buon fine, come si può desumere dalla conversazione».

L’intercettazione al vaglio degli inquirenti

Negli atti è scritto testualmente che «il Perri passa al Fernandez una persona per dimostrargli che un qualcosa è andato in porto».

Perri: «Ingenè, io vi ho servito, un attimo che vi passo la persona, che poi ci sentiamo più tardi».

La persona dall’altro capo del telefono dice:

X: «Michelù, tutto a posto, tutto fatto, va bene? Ci siamo allora, vabbuò».

Il Perri prende il telefono e chiede se va bene e il Fernandez conferma dicendo:

Fernandez: «Quindi hai veicolato tutto?»

E il Perri conferma.

 

Ed ancora

Paolo Fuscaldo: «allora l’anno scorso ci siamo trovati bene, solo che tu hai fatto un errore (rivolto al Fernandez) che io poi te lo devo dire, picchì in quel regolamento del cazzo che sei andato a fare nella convenzione sei andato a mettere 15.000 euro per attrezzature…»

Fernandez: «è stato consigliato però»

Paolo Fuscaldo «è stato consigliato. In consiglio mi hanno attaccato ca dici addù è l’attrezz i macchinari, invece chiri uagliuni che hanno fatto i pagamenti regolari, in voucher, 18.000 su 15 ricevuti, si su trovati perfetti basta che l’inviano per operai sulla spiaggia, seno l’associazione è la migliore cosa. Mò quest’anno, per evitare associazioni che m’ati ruttu u cazzu tu e u sindaco, chista è a verità, la cooperativa! io cooperative non ne ho, chiru si è messo a disposizione…lui può far fare una richiesta da una cooperativa in modo che tu ti porta tutto ed eviti u controllo…»

Cavaliere «ma tu ci devi far capire a Michele perché si deve trovare una situazione cosi…»

Fuscaldo «perché hanna vinti gente di Fuscaldo, hanno vinto guagliuni di Fuscaldo … Miche parliamone chiaro, il problema spiaggia non è tanto la pulizia, è togliere gente pericolosa in mezzo alla via, chista è a verità, Ieri hanno appicciato n’atra vota fuoco nda a villetta…non tengono niente a che fare che su vagabondi fumano dalla mattina alla sera e rumpunu u cazzu…».

Fernandez «Quindi questa cooperativa assumerebbe tutti?… ma ci serve tutta sta mano d’opera, manovalanza?»

Fuscaldo «sette chilometri di spiaggia, l’anno scorso erano ventiquattro Miche …»

Cavaliere«Miche pure se non ci servono…»

… Continua….

Commenti