Commissario Longo, che fine ha fatto la Casa della Salute di Amantea? E gli Ospedali di Praia e Trebisacce?

Le contraddizioni presenti nel DCA n. 31 del 18 febbraio 2021 sono incomprensibili, se non ricondotte ad un mero errore.

Troviamo utile rammentare, infatti, che la Casa della Salute di Amantea è già stata prevista con delibera 1397 del 29 agosto 2016 (adozione Atto Aziendale dell’Asp di Cosenza) e confermata con DCA n. 65 del 10 marzo 2020. Gli uffici dell’Asp sono già stati impegnati per predisporre gli studi e i documenti propedeutici al finanziamento dell’evoluzione del poliambulatorio.

Com’è potuto sfuggire a chi ha una così grande responsabilità riguardo al diritto alle cure ed alla salute dei calabresi, dei cosentini e degli abitanti del Comprensorio di Amantea?

Siamo abituati a vedere oltre un palmo dal nostro naso e non ci è potuto sfuggire neppure l’assurdo declassamento degli Ospedali di Praia e Trebisacce – riconfermati tali da sentenze del Consiglio di Stato – proprio in Casa della Salute.

La spiegazione più plausibile è che si tratti solo di un tragico errore. E che ciò si traduca soltanto in un grande spavento per le popolazioni di Amantea, di Praia, di Trebisacce e dei loro comprensori.

Le chiediamo di rivedere in tempi brevi i contenuti del suo DCA, perché con il diritto alle cure ed alla salute dei cittadini non si scherza.

Esecutivo PD Amantea Circolo “Moro-Berlinguer

Commenti