Al Commissario Straordinario
Dott.Carlo La Regina
ASP Cosenza

Oggetto: Chiarimenti disposizione N.0092337del 22/07/2021

Lottiamo oramai da due anni, affinché venga riaperto il Punto nascita del P.O. di Cetraro, abbiamo sollecitato la struttura commissariale dell’ASP, insieme ad altre istituzioni, affinché fossero sanate tutte le prescrizioni, in modo da poter finalmente rendere operativo il punto nascita in un così vasto territorio che copre tutto il Tirreno Cosentino e la Valle dell’Esaro.
Tra le prescrizioni previste dalla commissione ministeriale vi era anche quella della nomina del Direttore dell’Unità operativa, che noi abbiamo continuamente sollecitato veniva invece, dato incarico al Direttore dell’UO di ginecologia di Corigliano-Rossano di dirigere anche il reparto di Cetraro soluzione che non era, per quanto ci riguarda la migliore comunque accettata per non interrompere e quindi prolungare i tempi d’attesa per la riapertura del reparto.
Credevamo che la nomina sarebbe servita ad accelerare i tempi per la soluzione del problema e non per contribuire a smantellare quello che rimane di un reparto che ha operato con efficienza e professionalità nell’intero territorio per oltre 40 anni!
Detto ciò, per i fatti sopraddetti, non comprendiamo la disposizione 0092337 del 22/07/2021, sottoscritta dal Direttore dell’UO della Ginecologia Dott. Gaetano Gigli, congiuntamente al Dott.Guglielmo Cordasco, referente sanitario Spoke Cetraro-Paola con la quale si trasferiscono le ostetriche da Cetraro allo Spoke Corigliano- Rossano non per il loro aggiornamento professionale ma, come viene descritto nella stessa disposizione, per la sostituzione del personale mancante in quel reparto, i corsi di aggiornamento, gli ECM sono ben altra cosa!
E comunque, dopo due anni di reparto chiuso e nel mese di agosto ci accorgiamo che tra le prescrizioni ministeriali vi era anche l’aggiornamento delle ostetriche?
Si chiedono pertanto chiarimenti sulla disposizione in oggetto.
Distinti Saluti

CONFIAL W. Maltese
UIL FPL A. Tripicchio

Commenti