La Squadra mobile di Cosenza ha arrestato
due persone, delle quali sono state rese note
soltanto le iniziali, R.C., di 47 anni, e P.G., di 53,
accusate di essere responsabili della rapina
compiuta il 18 novembre 2019 nel centro
Cittadino
ai
danni della figlia
di un imprenditore. La donna fu avvicinata da R.C. e costretta, sotto la minaccia di una pistola, a consegnare la borsa contenente una
consistente somma di denaro che avrebbe
dovuto depositare in banca.
L’osccutore della rapina si allontanò poi a
scooter condotto, secondo
bordo di uno
quanto è emerso dalle indagini, da P.G. I due
arresti sono
stati fatti in esecuzione di
un’ordinanza di custodia cautelare in carcere
emessa dal Gip di Cosenza su richiesta della
Procura della Repubblica.

Commenti