Da Castrovillari a Lungro, il calvario di un anziano dializzato e con la bronchite

"Basta con la sanità che annulla il valore della persona umana"

0
116

Riceviamo e Pubblichiamo

 

“Che volete possa significare il prestare attenzioni e cure ad un anziano signore dializzato e sotto attacco di bronchite?

Poco, molto poco se lo si vuole mandare a casa dopo il trattamento dialitico e se solo grazie alle insistenze di familiari viene sballottato verso un altro presidio ospedaliero.

Il povero paziente di Nocara, da Trebisacce viene quindi trasbordato a Castrovillari, ma da queste parti, come in tutta la Calabria, nulla è semplice né scontato quando si tratta di avere bisogno di assistenza sanitaria o di sanità sempre più maledetta.

La situazione è ancora più drammatica se si considera che l’ottantenne bisognoso di cure è in via di debilitazione e viene accolto nel pronto soccorso, ma li rimane per giorni su una barella.

Inutile stare a raccontare il resto, permanenza e via vai di pazienti, assistenti ed assistiti, a queste latitudini i lazzaretti esistono ancora e somigliano a tanti nostri nosocomi.

Devono passare quattro lunghi giorni per trovare finalmente un posto nella lungo degenza del presidio di Lungro.

È la triste storia accaduta questa settimana, che purtroppo non è la prima né sarà l’ultima ed è grave che tutti ci stiamo abituando all’abisso profondo e terribile in cui sprofonda la nostra umanità.

Manca personale, mancano attrezzature, mancano posti letto, manca sempre più il senso e il rispetto della vita umana, a cui tutta l’azione di ogni attività sociale e politica dovrebbe essere improntata e rivolta, ed il peggiore dei mali è che ce ne siamo dimenticati.

Non è dato ancora sapere se e quando la sanità in Calabria diventerà normale, di certo il tempo perso è tanto e se ne perde ancora altro.

Chi può e deve fare, in primo le Istituzioni a questo deputate, faccia presto per non avere sulla coscienza altri crimini moderni causati da una falsa civiltà”

 16 Marzo 2019

Raffaele Papa

 

Commenti