Cosenza, la famiglia Vinto rivela “Siamo finiti sotto strozzo”

0
687

La famiglia Vinto ovvero Davide, la signora Marcella e il figlio Ippolito, ha coraggiosamente denunciato, ieri pomeriggio, a Lino Polimeni nella sua trasmissione televisiva (CalabriaTV) “Articolo 21”, di essere finita nella rete di usurai senza scrupoli.


Davide Vinto è stato un imprenditore di discreto successo all’alba degli anni Duemila e ha lavorato molto con la sua impresa di servizi per gli enti pubblici, in particolare per il Comune di Cosenza.

Il signor Vinto ha eseguito per molti anni lavori di una certa importanza per conto della Multiservizi, una partecipata comunale guidata all’epoca dall’ingegnere Mauro. Anni di lavori ma anche di incredibili vicissitudini, perché, ad un certo punto, l’esperienza della Multiservizi è andata in fumo (con relativo fallimento), la sua impresa non veniva più saldata ed è stata costretta a rivolgersi alla “giustizia”. Morale della favola: nonostante Davide Vinto accreditasse una somma complessiva che si aggirava sui 900 mila euro, non è riuscito ad incassare nulla, è stato costretto a chiudere baracca e a licenziare i dipendenti e infine a indebitarsi e ad andare “sotto strozzo”.

Nel corso dell’intervista realizzata da Polimeni a casa Vinto, a Rende, ci sono stati momenti drammatici. Quando Davide Vinto ha confessato di essersi rivolto agli strozzini, ha detto con chiarezza che non si trattava di delinquenti veri e propri ma di “colletti bianchi” insospettabili, che non esitano a mandare la manovalanza ad intimidre lui e il figlio.

Ce ne sarebbe abbastanza per far intervenire la magistratura se non fosse che a Cosenza, come tutti sapete, c’è il porto delle nebbie e qualcuno deve aver dato ordine di bloccare le cause dell’impresa Vinto se è vero, com’è vero, che tutto viene sempre fermato.

Cause vinte, tasse e oneri pagati, eppure vuoi per un motivo, vuoi per un altro, la catena si ferma. Ad un certo punto del racconto, Davide Vinto stava anche per rivelare il rapporto di parentela tra un giudice della sezione civile e qualcuno dei “colletti bianchi” che sguazzano su Cosenza, ma Polimeni l’ha fermato in tempo perché queste denunce vanno fatte agli organi competenti. Fatto sta che quanto ha dichiarato la famiglia Vinto è davvero molto grave.

 

Fonte ed articolo su Iacchitè.com

Commenti