M5s-PD, accordo in vista delle regionali in Calabria, spunta Morra governatore

0
228

Grandi manovre tra Pd e M5s sono in pieno svolgimento: incassata la fiducia di Camera e Senato, adesso si tenterà di accelerare sui sottosegretari e i viceministri. Un Consiglio dei ministri è previsto per domani ma non viene escluso che il nodo del completamento della squadra di governo venga sciolto in una riunione successiva dell’esecutivo.

Al momento le trattative sono in corso e portate avanti soprattutto da Franceschini e Spadafora. Il premier Conte vorrebbe conservare per se la delega dei Servizi e promuovere sottosegretario il segretario generale di palazzo Chigi, Chieppa. I Servizi, del resto, vanno ad inserirsi nella più ampia partita della riforma della Giustizia e Conte sa bene che ci sono molte manovre sottotraccia animate dagli impresentabili del Pd. Di conseguenza, interverrà personalmente per tarpare le ali, per esempio, a sedicenti “spioni” che vorrebbero dettare la linea in alcune procure fondamentali.Resta il rebus delle deleghe quindi, con il Pd che potrebbe ottenere quella dell’editoria (in pole position il dem Verini). L’obiettivo sarebbe quello di chiudere per questa sera sulla lista ma le tensioni interne ai due partiti di governo potrebbero determinare uno slittamento del dossier.Sia nel Partito democratico che nel Movimento 5 stelle si punterebbe comunque su profili nuovi, sulla linea della discontinuità. E’ soprattutto nei gruppi pentastellati che arriva una richiesta di cambiare la squadra rispetto a quella della fase gialloverde. Tra i viceministri si fanno sempre i nomi di D’Uva (Cultura), Buffagni e Castelli (Mit e Mef), ma restano delle resistenze, soprattutto nell’ala “ortodossa” che si aspetta uno scossone anche nel sotto governo.

Per quanto riguarda il Pd l’assessore allo Sviluppo economico della regione Lazio Manzella potrebbe diventare viceministro al Mise, con i dem che hanno più di qualche perplessità sul possibile spostamento delle deleghe del commercio estero al ministero della Farnesina.

«In ogni caso la partita è ancora in alto mare», spiega un big del Pd. I renziani puntano su 7-8 sottosegretari: per il Senato si fanno i nomi di Malpezzi, D’Alfonso e Margiotta, mentre per la Camera quelli di Fiano (vice ministro all’Interno) e Ascani (all’Istruzione). Possibile promozione anche per Sereni, Quartapelle, Mauri, Braga, Romano. Al ministero dell’Economia dovrebbe approdare Misiani, sempre nel ruolo di viceministro.

Ma Pd e M5s sotto traccia si stanno confrontando anche sul tema delle regionali. Qualora il M5s dovesse sostenere il candidato del Pd in Umbria, i dem potrebbero appoggiare un esponente M5s in Calabria. Un’idea che viene accreditata da fonti parlamentari è che in Calabria si possa presentare l’attuale presidente della Commissione Antimafia, Morra.

«Sulle regionali il dialogo è difficile, ma ci stiamo provando», spiegano ‘big’ M5s e del Partito democratico. Il pentastellato Di Stefano ha frenato: «Assolutamente no», ha sottolineato. Ma dal Movimento 5 stelle si accredita la tesi che potrebbe essere lo stesso premier Conte a spingere in questa direzione, per rendere più facile anche la navigazione del governo giallorosso.

Fonte Iacchitè.blog

Commenti