Acquappesa, concorso sospetto al comune, la minoranza attacca e presenta esposto

0
278

Lo scorso 12 Novembre la minoranza consiliare del comune di Acquappesa ha sferrato un duro attacco al sindaco Tripicchio, rivolgendosi alla Corte dei Conti di Catanzaro ed alla prefettura di Cosenza, per denunciare presunte irregolarità in un concorso in essere all’ente tirrenico, scaturito con assunzioni ritenute “paradossali per le casse comunali”.

Pomo della discordia è la posizione di capo dell’ufficio finanziario del comune.

Riportiamo ora il testo dell’esposto dei consiglieri comunali di minoranza.

Nella qualità di Gruppo Consiliare di minoranza “Cambiamenti” , gli scriventi consiglieri comunali, nell’espletamento delle prerogative di mandato espongono quanto segue .
L’Amministrazione comunale uscente, nel corso del mandato amministrativo 2014/2019, precisamente con delibera di Giunta nr. 15 dell’01/03/2016, ha bandito, con procedura concorsuale, un posto di istruttore direttivo area finanziaria categoria giuridica “ D” posizione economica D1, a tempo indeterminato, da porre a capo dell’Ufficio finanziario. A completamento della procedura , è risultata vincitrice di concorso ed incardinata nella struttura amministrativa in data 01/12/2016, la dott.ssa Antonietta Grosso Ciponte,
A brevissima distanza temporale dall’assunzione della predetta vincitrice di concorso, il Comune di Acquappesa, ha autorizzato lo scorrimento della graduatoria a favore del Comune di Guardia Piemontese ove viene assunta quale Responsabile dell’Ufficio finanziario la seconda della graduatoria del predetto concorso e nel mentre, precisamente in data 13/08/2018 (dopo circa diciotto mesi di servizio), ha autorizzato, con delibera di Giunta n. 73 del 13/08/2018 il trasferimento della Dott.ssa Ciponte, avvenuto in data 01/11/2018, che, con una repentina mobilità è transitata nell’organico del Comune di Belvedere Marittimo. E’ opportuno evidenziare che, da notizie attinte dalla stampa locale, sulla vicenda penderebbe situazione penalmente rilevante davanti alla Procura della Repubblica di Paola.
Ebbene, a pochi anni dal concorso, inspiegabilmente e contro ogni criterio di sana gestione, il Comune di Acquappesa, che aveva dovuto ricorrere a bandire il concorso e sostenere i relativi costi, è rimasto senza responsabile dell’ufficio finanziario, tanto è che il Sindaco precedente ha dovuto assumere questo compito sino alla fine del mandato, così come ha fatto l’attuale Sindaco, che con decreto Sindacale n. 5 del 29/05/2019 ha avocato a se stesso il medesimo incarico di responsabile dell’Ufficio finanziario, ancora vacante, tant’è che stranamente, anziché procedere allo scorrimento della graduatoria, per come avvenuto in precedenza per il Comune di Guardia Piemontese, e per come sollecitato anche dai sottoscritti nella seduta di insediamento del Consiglio Comunale del 16 giugno 2019, in un primo tempo con delibera di Giunta n. 51 del 29/07/2019 si è proceduto alla pubblicazione di un bando per l’assunzione a tempo determinato part-time di ore 18 settimanali di Responsabile del Servizio dell’Area Finanziaria – Cat. Giuridica D1 (ex art. 110 D.Lgs. n. 267/2000) ed in un secondo tempo, precisamente in data 30/08/2019 con delibera di Giunta n. 59, il medesimo bando è stato stranamente revocato”

In data 02/08/2019, con nota prot. n. 4094 il Sindaco del Comune di Acquappesa, ha avanzato richiesta di autorizzazione al Comune di Diamante per l’utilizzazione alla collaborazione del dipendente Rag. Giuseppe Gamba. In data 08/08/2019 con Delibera n. 27 la Giunta del Comune di Diamante concede per l’utilizzo, fuori orario di lavoro, del Ragioniere Giuseppe Gamba, Istruttore Contabile – Categoria C3, già assunto a tempo indeterminato ed al 70%, la relativa autorizzazione.
Con decreto sindacale 07 del 29/08/2019 il Sindaco del Comune di Acquappesa attribuisce al Sig. Gamba la responsabilità del Settore Finanziario –Tributi. Quindi, vengono attribuite al Ragioniere Gamba, profilo C, impegnato per 25,20 ore alla settimana presso Diamante, le funzioni di un apicale D, profilo per il quale si richiede laurea, con il riconoscimento di una posizione organizzativa annua, circa euro 9.500,00, oltre risultato e di un rimborso spese viaggio. Opportuno evidenziare che in organico già sussiste un profilo C con analoga qualifica, inquadrata nell’anno 2017 a seguito di concorso per l’assunzione a tempo pieno ed indeterminato di 1 “istruttore – Ragioniere ”, categoria C/1 .
La ratio, secondo gli scriventi, sarebbe stata, per come già detto, che la nuova Amministrazione, insediatasi nel maggio 2019, avesse fatto scorrere la graduatoria ed assumere il terzo concorrente, oppure utilizzare la figura professionale già in pianta organica, ma così non è stato.

“Nel rappresentare quanto sopra si chiede-Prosegue l’esposto della minoranza- a Codesta Spettabile Procura se è rispondente a criteri di sana gestione l’operato del Sindaco di Acquappesa. In particolare, voglia la Procura accertare se l’utilizzo del Rag. Gamba, anziché un più opportuno scorrimento della graduatoria, è stato disposto in attuazione della normativa di settore e delle direttive Aran in materia. Ancora una volta si assiste a soluzioni irragionevoli ed in evidente contrasto con la normativa di settore. Resta il rimborso spese viaggio che non è ammissibile così come una posizione che non è misurata in base al tempo lavoro (11,80 ore settimanali dovrebbero determinare una posizione di euro 4.600,00 e non una posizione piena di euro 9.200,00).”


L’esposto presentato dalla minoranza consiliare di Acquappesa, è scaturito dopo la risposta della maggioranza all’interrogazione consiliare presentata tempo addietro dall’opposizione.

La tesi della maggioranza sulle scelte discusse da “Cambiamenti” affondano le proprie radici sulla volontà di dover risparmiare denaro pubblico.

Riportiamo, in parte, il testo della risposta del sindaco Tripicchio

Al gruppo Consiliare Cambiamenti
Oggetto: Risposta all’interrogazione scritta datata 22 agosto 2019, acquisita agli atti
ll’Ente in data 23 agosto 2019 col prot. nr. 4353.
In merito all’interrogazione di cui in oggetto con la presente si forniscono i seguenti chiarimenti:
a)
in merito alla programmazione del personale, la scrivente amministrazione, ha come
obiettivo il perseguimento del massimo soddisfacimento dei bisogni della collettività con il
minor dispendio di risorse. “Linee di indirizzo per la predisposizione dei piani di fabbisogni
di personale da parte delle Amministrazioni Pubbliche” (DM 8 maggio 2018 pubblicato in
G.U. n.173 del 27/7/2018). In tale ottica si è dato corso, sin dal nostro insediamento a
trovare una soluzione alla mancanza di figura apicale cui affidare la responsabilità del
settore finanziario e tributi, in quanto la figura presente all’interno dell’Ente – categoria D-
ha manifestato di non voler ricoprire tale funzione
in merito alla delibera di Giunta del 13.08.2018, comunico che il nulla osta è ancora
b)
elemento previsto per potere ottenere il trasferimento ad altro Ente. In particolare la materia
è regolata dall’art. 30 del D.Lgs 165 / 2001 Passaggio diretto di personale tra
amministrazioni diverse che recita: 1. Le amministrazioni possono ricoprire posti vacanti in
organico mediante passaggio diretto di dipendenti di cui all’articolo 2, comma 2,
appartenenti a una qualifica corrispondente e in servizio presso altre amministrazioni, che
facciano domanda di trasferimento, previo assenso dell’amministrazione di appartenenza.

La tesi del governo accquappesano non avrebbero soddisfatto i richiedenti risposta ed è per questo motivo, che l’annosa questione é scaturita in un doppio esposto.

Sarà la corte dei conti ora, a giudicare se l’operato della giunta sia stato giusto o meno.

Commenti