Sanitá da incubo, anziana muore in ospedale, attendeva le cure

0
665

L’anziana signora, giunta in ospedale martedì sera, è purtroppo deceduta nel tardo pomeriggio di mercoledí.

L’intervento al femore, per mancanza di ortopedici e anestesisti, era stato programmato per il prossimo martedì 20 agosto. Forse, anche se fosse stata tempestivamente operata, sarebbe morta ugualmente. Rimarrà il dubbio per sempre”.
Lo scrive il sindaco di Locri, Giovanni Calabrese che aggiunge “Non è la prima volta che accade un simile episodio e temiamo, visto l’andazzo, neanche l’ultima. Oggi è toccato a lei, ieri a Gianfranco, a Jenny, a Vincenzo, a Rocco, ad Alfonsino e a tanti altri. Chi sarà la prossima vittima?
Come preannunciato ieri – prosegue – formulerò, nella qualità di Sindaco e massima Autorità Sanitaria Comunale, formale esposto alla Procura della Repubblica di Locri, affinché vengano individuate eventuali responsabilità sulla morte della sfortunata signora. In questo momento non è corretto aggiungere altro per rispetto della signora che è venuta a mancare”.
Il primo cittadino locrese, ancora una volta nelle scorse ore, aveva lanciato l’allarme. “La grave situazione in cui versa l’Ospedale della Locride è rappresentata dalle drammatica agonia del reparto di Ortopedia”.
Lo denuncia di Calabrese fa, in particolare, riferimento “alla drammatica e, purtroppo, non isolata ma periodica, emergenza che incombe sul reparto di ortopedia. Infatti per mancanza di personale medico il reparto funziona a singhiozzo e dal prossimi lunedì rischia di rimanere chiuso per sempre per la presenza di un solo medico h 24”.

Commenti