Calabria corrotta, 55 mila euro sequestrati a bracciante agricolo in odor di Ndrangheta

0
303

(Ansa) 21 AGO – I carabinieri del Gruppo di Locri hanno eseguito un decreto di sequestro di 55 mila euro a Domenico Agresta, bracciante agricolo di Platì, ritenuto affiliato alla cosca “Barbaro-Castanu”, con precedenti.


    Il provvedimento nei confronti di Agresta – già condannato per il sequestro dell’imprenditore Pietro Castagno avvenuto a Torino il 21 gennaio 1984 e tenuto in ostaggio in Aspromonte per 11 mesi – è stato emesso dal tribunale di Reggio Calabria su richiesta della Procura distrettuale e fa seguito al ritrovamento a maggio scorso del denaro, durante una perquisizione in un terreno di proprietà comunale abusivamente occupato e utilizzato dalla famiglia Agresta.


    In quella circostanza i militari scoprirono anche un passaggio segreto che consentiva l’accesso ad un bunker. Vennero trovate munizioni, una fondina, due grimaldelli e della marijuana. Il denaro, in base ai riscontri effettuati sulla condizione reddituale di Agresta, risulta provento di probabile attività illecita.

Commenti